035854025 035854025
  • Non disponibile
PIROS*SCIR 100ML 2,4G/100ML
search

PIROS*SCIR 100ML 2,4G/100ML

Minsan: 035854025
Disponibilità:
Non disponibile
Spedizioni gratuite
Ordine min € 29,90
1,91 €
Tasse incluse

>Guadagna 4 punti/0,04 € Guadagna 4 punti/0,04 € (Ogni 0,50 € speso = 1 punto, 1 punto = 0,01 € sconto)
Il tuo carrello totalizzerà 4 punti che possono essere convertiti in un voucher di 0,04 €.
Descrizione
Spedizioni
Hai bisogno di aiuto?
Principi attivi

100 ml di sciroppo contengono: Principio attivo: paracetamolo 2,4 g. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Eccipienti

100 ml di sciroppo contengono: polivinilpirrolidone (pvp k30), metile p–idrossibenzoato, propile p–idrossibenzoato, sorbitolo 70%, saccarina sodica, aroma fragola 1013147, aroma mandarino 1013206, acqua depurata.

Indicazioni terapeutiche

Come antipiretico: trattamento sintomatico di affezioni febbrili quali l’influenza, le malattie esantematiche, le affezioni acute del tratto respiratorio, ecc.. Come analgesico: cefalee, nevralgie, mialgie ed altre manifestazioni dolorose di media entità, di varia origine.

Controindicazioni/Effetti indesiderati

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. I prodotti a base di paracetamolo sono controindicati nei pazienti affetti da grave anemia emolitica. Grave insufficienza epatocellulare.

Posologia

Alla confezione è annesso un cucchiaino dosatore di 5 ml con indicate tacche di livello (¼ corrisponde a 1,25 ml di prodotto; ½ corrisponde a 2,50 ml di prodotto; ¾ corrisponde a 3,75 ml di prodotto). • Bambini al di sotto di 1 anno: una dose da ml 2,5 ogni 4–6 ore. • Bambini da 1 a 4 anni: 1 dose da ml 2,5 o 1 dose da ml 5 ogni 4–6 ore. • Bambini oltre i 4 anni: 1 dose da ml 5 o 1 dose da ml 10 ogni 4–6 ore. • Adulti: 1 dose da ml 10 ogni 4ore.

Conservazione

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Conservare nella confezione originale. Tenere il contenitore nell’imballaggio esterno.

Avvertenze

Nei rari casi di reazioni allergiche, la somministrazione deve essere sospesa e deve essere istituito un idoneo trattamento. Usare con cautela nei soggetti con carenza di glucosio–6–fosfato deidrogenasi. Dosi elevate o prolungate del prodotto possono provocare una epatopatia ad alto rischio e alterazioni a carico del rene e del sangue anche gravi. Somministrare con cautela nei soggetti con insufficienza renale o epatica. Durante il trattamento con paracetamolo prima di assumere qualsiasi altro farmaco controllare che non contenga lo stesso principio attivo, poiché se il paracetamolo è assunto in dosi elevate si possono verificare gravi reazioni avverse. Invitare il paziente a contattare il medico prima di associare qualsiasi altro farmaco. Vedere anche la voce "Interazioni". Non somministrare per oltre 3 giorni consecutivi senza consultare il medico. Tenere il prodotto fuori della portata e della vista dei bambini.

Interazioni

Nel corso di terapie con anticoagulanti orali si consiglia di ridurre le dosi. Usare con estrema cautela e sotto stretto controllo durante il trattamento cronico con farmaci che possono determinare l’induzione delle monossigenasi epatiche o in caso di esposizione a sostanze che possono avere tale effetto (per esempio rifampicina, cimetidina, antiepilettici quali glutetimide, fenobarbital, carbamazepina). La somministrazione di paracetamolo può interferire con la determinazione dell’uricemia (mediante il metodo dell’acido fosfotungstico) e con quella della glicemia (mediante il metodo della glucosio–ossidasi–perossidasi).

Effetti indesiderati

Con l’uso di paracetamolo sono state segnalate reazioni cutanee di vario tipo e gravità inclusi casi di eritema multie, sindrome di Stevens–Johnson e necrolisi epidermica. Sono state segnalate reazioni di ipersensibilità quali ad esempio angioedema, edema della laringe, shock anafilattico. Inoltre sono stati segnalati i seguenti effetti indesiderati: trombocitopenia, leucopenia, anemia, agranulocitosi, alterazioni della funzionalità epatica ed epatiti, alterazioni a carico del rene (insufficienza renale acuta, nefrite interstiziale, ematuria, anuria), reazioni gastrointestinali e vertigini.

Sovradosaggio

In caso di assunzione accidentale di dosi molto elevate, l’intossicazione acuta si manifesta con anoressia, nausea e vomito seguiti da profondo decadimento delle condizioni generali. In caso di iperdosaggio, il paracetamolo, può provocare citolisi epatica che può evolvere verso la necrosi massiva e irreversibile. I provvedimenti da adottare consistono nello svuotamento gastrico precoce e nel ricovero ospedaliero per le cure del caso.

Gravidanza e allattamento

Nonostante studi clinici in pazienti gravide o in allattamento non abbiamo evidenziato particolari controindicazioni all’uso del paracetamolo né provocato effetti indesiderati a carico della madre o del bambino, si consiglia di somministrare il prodotto solo in casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

DESTINAZIONE TEMPI DI SPEDIZIONE (GIORNI) ORDINI SUPERIORI A 29,90€
ITALIA 3-5 0,00 €
SARDEGNA 3-5 3,00 €
VENEZIA E ISOLE MINORI 2-4 13,00 €
CAMPIONE D'ITALIA, FIUME, LIVIGNO e ZARA
( zone soggette a dogana UE)
3-5 61,00 €

Potrebbe interessarti

iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter
ottieni subito il 5%